Storia di un incontro speciale: ERP e tecnologie intelligenti

Facebook
Facebook

Storia di un incontro speciale: ERP e tecnologie intelligenti

ERP e Tecnologie Intelligenti

Oggigiorno sentiamo parlare di “trasformazione digitale” di continuo. Potrebbe trattarsi di uno slogan che va di moda penserà qualcuno, ma sta di fatto che la trasformazione digitale non è affatto uno scherzo.
IDC prevede che la spesa per la trasformazione digitale consumerà il 53 % del budget IT entro il 2023, avvicinandosi ai $ 7,4 trilioni tra il 2020 e il 2023. Con questa enorme trasformazione in atto, non sorprende che il mondo ERP abbia visto in tempi recenti significativi cambiamenti nel valore aggiunto che può fornire alle imprese.

Le tecnologie intelligenti

L’implementazione di tecnologie intelligenti come Machine Learning (ML), Intelligenza Artificiale (AI) e l’Automazione dei processi robotici (RPA), ha trasformato l’ERP per sempre. Queste tecnologie stanno elevando il sistema ERP dalla funzione di organizzatore delle funzioni aziendali a un ruolo assolutamente fondamentale per l’azienda.

In passato, l’ERP era puramente un motore amministrativo, responsabile di funzioni come l’elaborazione di report e l’organizzazione dei dati. Il core di un sistema ERP era principalmente focalizzato sulle funzioni finanziarie, con la maggior parte dei suoi utilizzatori che lo impiegavano in contabilità, chiusura e rendicontazione.
Oggi, grazie alle tecnologie intelligenti, l’ERP ha assunto un ruolo molto più strategico nei processi aziendali. I sistemi ERP intelligenti sono in grado di identificare le tendenze e fare previsioni, raccomandare azioni, elaborare dati complessi e fare tutto questo in maniera autonoma. Evitando agli utenti di dover riscrivere le regole ogni volta, l’intelligenza artificiale può consentire al sistema di auto-correggersi in tempo reale, consentendo alle operazioni di funzionare più agevolmente, risparmiando ore preziose ai membri dello staff.
Questo è certo uno dei motivi per cui l’adozione e l’innovazione dell’ERP si stanno diffondendo oltre i confini della settore Finanziario, in settori quali Produzione, Assistenza e Acquisti, Risorse Umane, Logistica e Vendite.

Un esempio pratico

Il valore di un ERP intelligente è meglio illustrato quando incorporato nei processi. Prendiamo il settore Vendite, per esempio. Per un responsabile delle vendite che si occupa delle richieste, un bot può ora estrarre dati dai sistemi di posta elettronica e di interfaccia, in modo che uno strumento RPA possa ricevere richieste e sfruttare l’ERP per cercare prospettive di vendita specifiche per un cliente, fornendo suggerimenti in base ai dati che sono già stati forniti. Questi dati possono consentire al responsabile delle vendite di identificare in tempo reale le migliori possibili opzioni per quel determinato cliente. L’intelligenza integrata RPA può anche avvisare un responsabile vendite se mancano informazioni da un modulo online e generare un preventivo che può essere inviato a un potenziale cliente. Una volta che il sistema funziona su un preventivo, si crea un automatismo che avvisa il gestore, il quale può accedere ai dati e procedere con un’azione.

Creare valore

Il livello di intelligenza che AI, ML e RPA forniscono all’ERP può generare un valore aziendale significativo. Sebbene l’ERP intelligente sia in grado di fornire informazioni di grandissima rilevanza sui clienti, è importante ricordare anche il valore aggiunto che genera per i lavoratori. Con un ERP intelligente, le aziende possono ridurre la quantità di compiti noiosi e ripetitivi che in passato i dipendenti dovevano svolgere, e offrire a queste risorse l’opportunità di concentrarsi piuttosto sugli insight forniti dal sistema ERP.

Nella maggior parte dei casi di utilizzo aziendale, l’automazione di attività umane ripetitive come prendere per mano e scaricare documenti e inserire i relativi dati nei sistemi – task ripetitive che i dipendenti addetti potrebbero dover fare anche più di 60 volte al giorno – è un enorme vantaggio non solo per i singoli lavoratori, ma per l’organizzazione nel suo insieme. Un elevato livello di automazione consente ai dipendenti di svolgere un lavoro più significativo, consentendo loro di generare più valore che mai.

L’Intelligenza Artificiale sta inoltre abilitando interfacce utente più intuitive e assistive, creando grafici e rappresentazioni visive che attingono da dati storici e informazioni di mercato, per consentire agli operatori di ottenere rapidamente informazioni dettagliate da insiemi di dati altrimenti molto complicati da decifrare. Tutto questo permette un lavoro più intelligente, un processo decisionale più accurato e previsioni migliori.
Parlando proprio di questo, Alexandros Stratis di IDC, afferma: “Un’interfaccia utente assistiva è la chiave per consentire ai knowledge worker di oggi di diventare i digital knowledge worker di domani, e sebbene le vere interfacce conversazionali siano un obiettivo futuro, la qualità dell’interazione migliorerà con il tempo, consentendo alle organizzazioni una gerarchia più orizzontale, un ambiente lavorativo flessibile e processi di back-office orientati agli obiettivi”.

Il punto cruciale: la fiducia

Nei prossimi 3-5 anni, continueremo a vedere un evolversi delle soluzioni ERP. La tecnologia sta avanzando e i clienti ne stanno prendendo consapevolezza e stanno passando all’azione, standardizzando i processi chiave in modo che possano essere automatizzati più facilmente. Tuttavia, convincere le organizzazioni a sfruttare appieno i vantaggi di un ERP intelligente dipende in ultima analisi dalla fiducia: quanto i clienti si fidino del software e dei suoi algoritmi.

Per ottenere questa fiducia, i vendor ERP devono essere in grado di fornire ai propri clienti tracciabilità, nel caso in cui uno degli algoritmi vada storto. Se un utente arriva a una previsione che non ha prodotto i risultati desiderati, deve avere accesso alle informazioni sul motivo per cui il sistema è giunto a tale conclusione, in modo da poter quindi regolare l’algoritmo. La tracciabilità che consente agli utenti di scoprire perché le cose sono andate male, costruirà fiducia e consentirà un’ulteriore ottimizzazione. Costruire fiducia richiede tempo, ma in questo caso ne vale la pena.

In definitiva, quando gli utenti si sentiranno a proprio agio nel fare affidamento su sistemi ERP intelligenti al fine di rendere più intelligenti ed efficaci i propri processi aziendali, avranno in mano la chiave per una maggiore efficienza, un migliore processo decisionale e un miglior impatto aziendale nel complesso.

 

Fonte: www.erpnews.com

Facebook
Facebook