Metaverso: cos’è e come cambierà le nostre vite

Facebook Facebook

Metaverso: cos’è e come cambierà le nostre vite

Metaverso” è uno dei temi che ha riscosso maggiore interesse alla fine del 2021, da quando Mark Zuckerberg ha annunciato il re-branding dell’azienda Facebook, ora diventata Meta. Risulta chiaro come lo scopo del nuovo nome sia quello di incentrare l’intera attività aziendale intorno al concetto di Metaverso, così come ha affermato lo stesso Zuckerberg senza troppi giri di parole: “Mi auguro che nel tempo saremo visti come una società di Metaverso”.

Cos’è il Metaverso?

Il termine “Metaverso” è stato coniato nel 1992 da Neal Stephenson, autore del libro di fantascienza Snow Crash, riferendosi ad uno spazio virtuale abitato da umani sotto forma di avatar.

Ma che cosa si intende oggi precisamente per Metaverso?
Secondo la definizione fornita da Gartner, stiamo parlando di uno spazio virtuale collettivo, condiviso, realistico, interattivo e persistente, in quanto non può essere resettato o semplicemente eliminato. È il prodotto creato dall’unione tra realtà fisica e virtuale, in grado di fornire esperienze immersive migliorate.
È indipendente dal dispositivo e non è di proprietà di un singolo fornitore. È un’economia virtuale indipendente, abilitata da valute digitali e non-fungible-token (NFT).

Gartner prevede che entro il 2026, il 25% delle persone trascorrerà almeno un’ora al giorno nel Metaverso per lavoro, shopping, istruzione, social media e/o intrattenimento.

In generale, le tecnologie che compongono il Metaverso possono includere la realtà virtuale, caratterizzata da mondi virtuali persistenti che continuano a esistere anche quando non si sta giocando, così come la realtà aumentata che combina aspetti del mondo digitale e fisico. Tuttavia, non è necessario che tali spazi siano accessibili esclusivamente tramite VR o AR.

Il Metaverso consentirà alle persone di replicare o migliorare le proprie attività svolte nel mondo fisico. Ciò potrebbe avvenire trasportando o estendendo le attività fisiche a un mondo virtuale oppure trasformando quello fisico.
Inoltre, il Metaverso si traduce anche in un’economia digitale, in cui gli utenti possono creare, acquistare e vendere beni.

Attualmente il Metaverso è costituito da diversi metaversi più piccoli, totalmente individuali e con funzionalità limitate, ognuno dei quali specializzato in determinate attività.

Secondo Gartner, entro il 2029 questi metaversi individuali si integreranno e si combineranno per creare un unico Metaverso completo, caratterizzato da diverse tecnologie ed esperienze innovative.

Elements of a Metaverse

Se ci pensiamo bene, è proprio quanto è successo agli inizi di Internet, caratterizzato inizialmente da una serie di “destinazioni” online indipendenti l’una dall’altra e non comunicanti. Evolvendosi, queste destinazioni sono diventate gli attuali siti che tutti conosciamo, inglobati e sottostanti ad un’unica rete Internet.

Riflessioni e conclusioni

Siamo agli albori di quello che si annuncia come il passo successivo a Internet, e in una certa misura, parlare di cosa significhi “il Metaverso” è un po’ come discutere di cosa significasse “Internet” negli anni ’70.

Possiamo solo immaginare come si evolverà nello specifico questo fenomeno. “Metaverso” rimarrà pensiamo ancora per molto un termine abbastanza vago, proprio come deve essere, non essendo legato a nessun tipo specifico di tecnologia, ma piuttoso a un cambiamento generale nel modo in cui interagiamo con essa.

Se vi state chiedendo quali siano i bisogni alla base di questo emergente fenomeno, possiamo citare i 2 principali: da una parte, il bisogno tipicamente umano divoler migliorare la propria esistenza, in questo caso estendendola e duplicandola nel “reame” digitale; dall’altra, il bisogno delle aziende di trovare nuove opportunità che consentano di estendere o implementare il business digitale.

In altre parole, è difficile non scorgere dietro la visione di Facebook di un futuro in cui tutti avranno un guardaroba digitale, il fatto che Facebook vuole per davvero fare business vendendo vestiti virtuali ai suoi utenti.

Facebook Facebook